17 novembre 2017

Campiglia fra le 100 mete d'eccellenza

Ne sono davvero contento ma non sorpreso: Campiglia Marittima è tra le mete d'eccellenza, premiate nell'ambito del concorso "100 mete d'Italia" promosso dalle Edizioni Dell'Anna. Il premio è stato assegnato il 16 novembre scorso nella sede del Senato a Palazzo Madama ea Roma. A rappresentare Campiglia la sindaca Rossana Soffritti. Campiglia si è presentata al concorso con i progetti CampigliAccademia e Apritiborgo Abc Festival realizzati in collaborazione con l'Accademia di belle arti di Firenze e Terzostudio Progetti per lo spettacolo. Il riconoscimento ottenuto è la pubblicazione di una presentazione di Campiglia e del suo territorio, in italiano e in inglese, nel volume dal titolo “100 Mete d’Italia” di RDE.  Essere inseriti nelle 100 mete
di eccellenza che nel bel volume interpretano i valori dell’italianità attraverso la loro originalità , il
loro stile, la loro storia, è sicuramente motivo di soddisfazione e un veicolo di promozione culturale e turistica importante. I 100 comuni selezionati sono stati raggruppati in dieci sezioni previste dal progetto editoriale e identificate con  fiori e piante (c’è stato poi un vincitore ulteriore per ogni sezione). Il Comune di Campiglia Marittima è stato inserito nel “Giacinto”, così descritto dall’editore Riccardo Dell’Anna:  “È questo il capitolo dedicato al racconto delle mete che sono state capaci di incentivare l’attività sportiva e artistica nell’ambito delle loro comunità. Manifestazioni canore, attività agonistiche, esibizioni di danza e teatro sono momenti di aggregazione sociale fondamentali per rafforzare una collettività e renderla parte di un progetto unico ma ampiamente condiviso”.


Altri post su Campiglia:


LO SGUARDO SU CAMPIGLIA

STREGATI DALLA VAL DI CORNIA

VIAGGIO DI NOZZE A CAMPIGLIA

APRITIBORGO

STREGATO DA CAMPIGLIA

21 ottobre 2017

Ettore, il gatto dei pescatori


Per 18 anni, tutti i giorni, ancor prima dell'alba ha salutato e la sera aspettato sulla banchina i
pescatori che andavano e tornavano. Anche durante il giorno era lì a far compagnia con le sue fusa a chi s'affaccendava sul molo. Non è un guardiano del porto. Nemmeno un umano e neanche un cane. Era uno splendido gatto europeo, Ettore, che per chi conosce i pelosi non lo faceva solo per la "pagnotta" di pesce azzurro, seppur freschissimo, ma per una questione di feeling, anzi speculando su lingua e gatti, di feelining! Ettore non c'è più da un anno più o meno ma ha lasciato un'impronta indelebile in chi l'ha incontrato, pescatori e no. Tanto è che il 29 ottobre prossimo alle 11, sarà inaugurata una statua di bronzo che lo ricorderà, sul molo di Viareggio appunto, "Ettore il gatto dei pescatori", amato da tutta la città.
Ettore, a Viareggio, lo conoscevano tutti: era un gattone che ha vissuto la bellezza di 18 anni nei pressi di Tito del Molo. Abbandonato da cucciolo, assieme ad altri mici, di lui si sono sempre presi cura i vari bar della zona e soprattutto i pescatori Tutti gli volevano bene, era diventato la mascotte del molo di Viareggio
Pao.Ma.

Video: https://www.facebook.com/paolo.maggi.77/videos/10214168291312083/



6 ottobre 2017

Il servizio sanitario per tutti non è più sostenibile: Falso!


Libertà e Giustizia e Diritti a Sinistra Firenze hanno promosso una iniziativa di confronto sul tema della sostenibilità del servizio sanitario nazionale (“Il Servizio Sanitario per tutti non è più sostenibile. FALSO!”), che si terrà Lunedì 9 Ottobre alle ore 17 all’istituto Stensen, con la partecipazione di Nerina Dirindin, economista dell’Università di Torino e Senatrice (Art1-MDP) e Lorenza Carlassare, professoressa di Diritto Costituzionale dell’Università di Padova.L’iniziativa è un esplicito contributo –e sollecitazione- affinché movimenti e forze politiche della sinistra orientino riflessioni e confronti non “con chi ci alleiamo?” e “chi identifichiamo come leader?”, ma sui programmi che interessano il nostro Paese ed in particolare sui grandi temi del welfare, della istruzione e dell’assetto del territorio.
Il lungo percorso, volto a sostanziare il dettato dell’articolo 32 della nostra Costituzione -che riconosce la salute quale diritto fondamentale dell’individuo- sfociato nella istituzione di un Servizio sanitario nazionale basato sulla fiscalità generale, ha conosciuto ripetute battute di arresto nei precedenti decenni. Ora non si tratta più di battuta di arresto, ma di un processo di rilevante indebolimento che fa prefigurare una sanità pubblica residuale per gli indigenti e una sanità privata per chi se la può permettere. Una soluzione in realtà proposta e auspicata da varie forze politiche e finanziare che, cavalcando l’ideologia ormai screditata di una austerità espansiva, intendono aggredire il sistema di welfare pubblico attraverso lo sviluppo del mercato assicurativo. Intorno a questo disegno si è creata una straordinaria e inedita convergenza d'interessi: dal mondo delle imprese sanitarie private for-profit a quello del cosiddetto terzo settore, dal mondo della cooperazione a quello assicurativo. Tutti accomunati dalla prospettiva di uno sviluppo delle proprie attività grazie all'inefficienza del servizio sanitario pubblico, conseguente al suo de finanziamento. Nell’ultimo decennio infatti la spesa sanitaria pubblica procapite - a fronte di un incremento dei costi dei medicinali, della necessità di acquisire nuovi farmaci (epatite C) e di un aumento della popolazione anziana - non è aumentata, ma in termini reali è addirittura diminuita di € 95,3 pro-capite. La nota di aggiornamento al DEF 2017 prospetta un decremento del rapporto spesa sanitaria/Pil per portarlo al 6,3% nel 2020, livello che viene da tutti gli esperti considerato un elemento di sicuro abbassamento dello stato di salute e incremento della mortalità.
I finanziamenti per rinnovare le strutture si sono sostanzialmente esauriti, il personale si è ridotto di 40.000 unità, con un netto invecchiamento della forza lavoro (medici età media 55 anni, infermieri 47 anni). Il personale infermieristico, che rappresenta il “sistema capillare” di un servizio sanitario, lo “strumento” per i servizi territoriali, la risorsa che renderebbe possibile forme di assistenza domiciliare (in Italia questo servizio offre ai pazienti presi in carico mediamente 11 ore di assistenza l’anno!) sono così pochi che per raggiugere il rapporto che c’è fra infermieri/ popolazione della Gran Bretagna bisognerebbe assumerne 132.400 e, rispetto alla Francia, 219.200.
L’Italia è ricca di professionalità, di organizzazioni sindacali, di associazioni di volontariato orientate anche ai servizi socio sanitari. Riteniamo che sia il momento di aprire un dibattito e un confronto con queste realtà, che abbia come primo obiettivo il rafforzamento del Servizio sanitario nazionale, un suo adeguato finanziamento, accompagnato dallo sviluppo di attività socio sanitarie secondo criteri volontaristici e di sussidiarietà, che siano aperte all’insieme della popolazione e che non siano in alcun modo sostitutive, ma espansive del perimetro sanitario e assistenziale.
Video realizzato da Giancarlo Venturi nella mattinata di venerdì 6 ottobre 2017 al Caffè delle Giubbe rosse di Firenze nel corso della conferenza stampa di presentazione dell'incontro: https://youtu.be/xIGIC9_N-YU

22 settembre 2017

Disegni e modelli di Leonardo Savioli


Gli spazi espositivi dell'Archivio di Stato di Firenze ospitano dal 23 settembre all'8 ottobre 2017 "Nello spazio intorno all'uomo. Disegni e modelli di Leonardo Savioli" mostra retrospettiva in cui opere di grafica, materiali didattici, disegni tecnici, fotografie e modelli architettonici raccontano l’esperienza professionale, la poetica e le opere del grande architetto toscano a cento anni dalla nascita.


Figura sensibile e poliedrica, il suo archivio restituisce una mappa dei molti ambiti di lavoro in cui la matrice umanista respirata negli anni della formazione attraverso gli insegnamenti di Giovanni Michelucci si affianca all’attenzione verso la cultura artistica e architettonica internazionale più aggiornata. Si tratta di un progetto a cura di Fondazione Giovanni Michelucci, Regione Toscana, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci Prato, Archivio di Stato di Firenze, Fondazione Architetti Firenze, Tempo Reale, realizzato con il contributo di Città Metropolitana di Firenze.
La mostra ad ingresso gratuito, rimarrà aperta fino all'8 ottobre dal lunedì al venerdì dalle  9 alle17,| e il sabato sabato dalle ore 9 alle 13.00, con apertura a richiesta in portineria.
 Per informazioni: Archivio di Stato di Firenze - Tel. 055 2632 0245, 055 26320238 - www.archiviodistato.firenze.it, www.architetturatoscana.it #savioli100
Visite guidate
Via Turati - Villaggio Sant'Umiltà Fi
23 settembre, ore 15.00-19.00 con visite guidate alle ore 15.30 e 17.30

24 settembre, ore 10.00-14.00 con visite guidate alle ore 10.30 e 11.30
Pao. Ma.

13 settembre 2017

Sport, cultura e solidarietà con Corri la Vita

Sport, cultura e solidarietà tornano a sfilare per le strade di Firenze con Corri la vita.


La quindicesima edizione della manifestazione, ideata per raccogliere fondi per progetti specializzati nella cura  nell'assistenza e nella riabilitazione psico-fisica di donne malate di tumore al seno, ma anche nella prevenzione e diagnosi precoce della
malattia, si svolgerà domenica 24 settembre 2017.
Si tratta di una occasione unica per vivere la città in modo diverso, scoprendo angoli nascosti, e contribuire alla battaglia contro il tumore.
Una corsa non competitiva di circa 12 km e una passeggiata di 5 km con percorsi che si snodano tra le vie del centro storico e le colline che circondano Firenze, organizzate da Associazione Corri la Vita Onlus, con la collaborazione di LILT, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, sezione Firenze, e Firenze Marathon.
Un evento unico nel nostro Paese, che nelle precedenti edizioni ha riunito oltre 270.000 partecipanti provenienti da tutta Italia e che offre a sportivi, famiglie, gruppi di amici, giovani
e anziani, la possibilità di scoprire alcuni luoghi incantevoli ma poco conosciuti della città, grazie a visite guidate a monumenti, chiese, palazzi e giardini a cura di Associazione Città
Nascosta e ingresso gratuito a numerosi musei e mostre, anche nel pomeriggio. Fino ad oggi sono stati raccolti più di 4.500.000 euro, donati da Associazione CORRI LA VITA Onlus a numerose iniziative impegnate nella lotta al tumore al seno, tra cui LILT Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori Firenze per il sostegno al Ce.Ri.On. Centro
Riabilitazione Oncologica di Villa delle Rose, FILE Fondazione Italiana di Leniterapia
Onlus, SenoNetwork Italia Onlus, portale che riunisce le Breast Unit italiane.
Un innovativo progetto mirato al supporto di donne affette da tumore al seno con particolare attenzione alle donne giovani ad alto rischio su base genetica è in fase di elaborazione sotto la guida del professor Angelo Di Leo, oncologo di fama internazionale e
direttore dell'Unità di medicina oncologica Sandro Pitigliani di Prato. Quando sarà approvato, lo studio partirà grazie ai finanziamenti di Associazione CORRI LA VITA Onlus coinvolgendo i centri di senologia di Firenze, Prato, Empoli e Pistoia e molte centinaia di donne in Toscana, con l'intento di ampliare il progetto su scala nazionale.
Le iscrizioni, aperte fino al 22 settembre si possono effettuare nei numerosi punti di iscrizione
a Firenze, ricevendo, in cambio di un contributo minimo di 10 euro, una delle 37.000 magliette
ufficiali di CORRI LA VITA 2017 realizzate da Salvatore Ferragamo e il pettorale, oppure
online sul sito www.corrilavita.it.
Novità di quest’anno per chi non potrà essere a Firenze il 24 settembre la possibilità di ricevere a casa la maglietta della XV edizione di CORRI LA VITA a fronte di una donazione
minima sul sito www.corrilavita.it e l’aggiunta delle spese di spedizione per un accordo siglato con BoxOffice.
Intanto vengono organizzate numerose iniziative per contribuire alla raccolta fondi o concorsi, come “La vetrina più bella perCORRI LA VITA” promossa in collaborazione con Confesercenti Firenze e dedicato ai commercianti fiorentini e “CORRI LA VITA si fa in tre: isciviti, partecipa, fotografa!”, che premierà la fotografia simbolo dell'evento.
Durante tutto l'anno è possibile sostenere CORRI LA VITA Onlus, maggiori informazioni su
http://www.corrilavita.it/donazioni/.

PERCORSI E METE:
http://museicivicifiorentini.comune.fi.it/export/sites/museicivici/materiali/percorsi_e_mete_2017.pdf

29 agosto 2017

Orbetello jazz festival


Sabato 2 e domenica 3 settembre, trascinante fine settimana con Orbetello Jazz Festival nella splendida terrazza della Polveriera Guman che si trasformerà in palcoscenico per due concerti d'eccezione.
Sabato 2 settembre si viaggia sulle ali del ricordo e della piacevole malinconia con Mille bolle blu, lo spettacolo nato da un’idea di Gino Castaldo che grazie all’incantevole e vibrante voce di Nicky Nicolai, accompagnata e impreziosita dal sax di blasone mondiale di Stefano di Battista (artista che vanta collaborazioni sontuose con il teatro, cinema, tv e che pubblica per Blue Note Records) e il suo quartetto, fa rivivere le canzoni che hanno fatto la nostra storia. Sul palco cinque formidabili artisti: Nicky Nicolai (voce), Stefano Di Battista (sax), Andrea Rea (pianoforte), Daniele Sorrentino (basso e contrabbasso) e Roberto Pistolesi (batteria)
 Gran finale domenica 3 settembre con Yakir Arbib Trio. Pianista e compositore, vero re dell’improvvisazione, Yakir Arbib è esperto sia nella musica classica che nel jazz. Vincitore diinnumerevoli premi internazionali, gira il mondo dando vita a recital unici, con composizioni improvvisate sul posto, spesso ispirate ad un tema particolare. Con lui, sul palco, due straordinari musicisti: Roberto Giaquinto newyorkese d’adozione (batteria) e Francesco Ponticelli (contrabbasso).
I concerti avranno inizio alle ore 21.30, per informazioni 3421815687.
Pao. Ma.

5 agosto 2017

Apritiborgo parte a tuttamusica


La "musica del mondo" apre le porte del borgo di Campiglia Marittima. 


Musica Insieme passa il testimone ad Apritiborgo.  Martedì 8 agosto alle ore 21.30 sul palco del Teatro dei Concordi salirà il Trio dei tre mondi per un concerto dal titolo emblematico "Musica per unire" per tutte le implicazioni culturali che esso comporta, unire i popoli, unire le culture, esprimere vicinanza e solidarietà. Roger Low, violoncellista ideatore dell'evento anche quest'anno come lo scorso settembre ha proposto di offrire questo concerto a Campiglia e invitare chi vorrà farlo a lasciare un contributo da devolvere in beneficenza alle popolazioni terremotate del Centro Italia in adesione al progetto istituzionale "E' l'ora della solidarietà".
Il Trio dei tre mondi è composto da Wonmi Kim - pianoforte, Willem Blokbergen - violino, Roger Low - violoncello. In programma: Trio in Si Bemolle KV 502 -- W. A. Mozart (Allegro - Larghetto - Allegretto). Trio in La Minore -- Maurice Ravel (Modéré - Pantoum -- assez vif - Passacaille--Très large - Animé). Trio "Dumky" op. 90 -- Antonin Dvoràk (Lento maestoso--Allegro - Andante - Andante moderato - Allegro) .    

L'abc di Apritiborgo 2017: http://www.apritiborgo.it/
Pao. Ma.

26 luglio 2017

Grate o trappole?

Il pericolo sulle piste ciclabili fiorentine

Le piste ciclabili sono una gran cosa. Niente biglietti, niente traffico. La città e non solo diventa a portata di pedale. Inforchi la bici e vai, ti senti già tonificato nelle gambe e nello spirito. Però attenzione, in quelle magnifiche strisce si annida un insidioso trabocchetto: le grate dei tombini per far scolmare l’acqua piovana. Guardate le due foto del post, in quella a destra la griglia è orizzontale rispetto al senso di marcia e va bene, nell'altra invece è posizionata nel senso di marcia. Orrenda visione! 
Quelle griglie posizionate nel senso di marcia sono una vera e propria minaccia alla incolumità delle cicliste e dei ciclisti. Sembrano fatte apposta per farci rimanere incastrate le ruote con disastrose conseguenze.
Chi può faccia qualcosa per rimediare e alla svelta, ne saremmo grati e grate!

Pao. Ma.


22 luglio 2017

Ancora difficile l'accesso ai farmaci cannabinoidi

Approvata nei giorni scorsi dal Consiglio regionale della Toscana una mozione di Sì Toscana a Sinistra sull’accesso alla cannabis terapeutica. 


Come segnalato dall’associazione Luca Coscioni "nei giorni scorsi è venuto nuovamente a mancare nella farmacia ospedaliera di Careggi il Bedocran, il farmaco olandese a base di cannabis che il Sistema Sanitario Nazionale importa dall’Olanda come terapia supplementare per vari tipi di trattamento medico”, dichiarano i Consiglieri regionali di Sì Toscana a Sinistra Tommaso Fattori e Paolo Sarti. “E’ una questione molto seria dato che altri farmaci cannabinoidi, come il Bediol e la FM2, ossia la cannabis prodotta nello stabilimento militare di Firenze, sono da tempo irreperibili”. “Col nostro atto ci uniamo alle richieste che già a maggio sono emerse durante il Congresso della Società Italiana Ricerca sulla Cannabis: arrivare quanto prima a coprire il fabbisogno nazionale di cannabis medica, aumentando conseguentemente la produzione di FM2 nell’Istituto Chimico Farmaceutico Militare di Firenze e migliorandone al contempo la qualità. C’è poi un enorme lavoro d’informazione da fare, anche presso i medici, oltre ad un necessario snellimento della burocrazia per rendere più agevole la reperibilità e nelle farmacie”. “E’ enorme la distanza fra ciò che in teoria le norme garantiscono ai pazienti e la realtà quotidiana fatta di mille ostacoli che rendono complicatissimo, se non impossibile, l’accesso ai farmaci cannabinoidi. Siamo ancora ben distanti dalla reale diffusione della cannabis medica come possibilità terapeutica concreta e accessibile, anche se finalmente l’Istituto Chimico Farmaceutico Militare sta producendo piccoli quantitativi di FM2, un prodotto che può aiutare molte persone ad un costo nettamente inferiore a quello pagato per importare i cannabinoidi dall’estero". 
Pao. Ma.

16 luglio 2017

Editoria indipendente a Rio nell'Elba




Dal 18 al 21 luglio a Rio nell'Elba di scena Elba Book, il festival dell'editoria indipendente.

Quattro giorni di inconri ma anche di concerti e spettacoili, presentazioni di libri e momenti di riflessione all'insegna delle piccole realtà editoriali allo scopo anche di disegnare strategie per la valorizzazione delle case editrici di piccole e medie dimensioni e delle persone che vi lavorano.
cornice del festival che festeggia la terza edizione, l'estate elbana e il fascino dello scrigno urbano e naturale di Rio nell'Elba che, fin dagli anni ottanta, dopo la chiusura delle sue storiche miniere di ferro,  ha deciso coraggiosamente di investire su un turismo lento, sostenibile e culturale.
Elba Book Festival 2017 ripresenta inoltre un importante appuntamento, la seconda edizione del premio "Lorenzo Claris Appiani per la traduzione letteraria", istituito dalla famiglia Appiani per rendere omaggio alla memoria del figlio, che si terrà martedì alle 19.30, come momento inaugurale del Festival,. Il premio sarà assegnato quest'anno alla traduzione italiana di un testo originale in lingua russa: si vuole così promuovere la diffusione di una letteratura in questo momento storico assai vivace e ricca.
A seguire la Terrazza del Barcocaio, sarà il palcoscenico per tre tavole rotonde: mercoledì, alle 18.30, gli ospiti si esprimeranno sul futuro dei libri e sul loro valore intrinseco, insieme a Carlo Montalbetti, direttore generale del Consorzio Comieco (main sponsor), Gino Iacobelli, presidente di Odei - Osservatorio degli editori indipendenti, Orfeo Pagnani di Exòrma e allo scrittore Roberto Pazzi; modererà Alessio D’uva di Kleiner Flug; dalle 22 alle 23, il cuore del paese si riaccenderà per un’ora prima della notte: in Piazza Matteotti, prenderà vita un dibattito per indagare la tendenza delle grandi città a investire nei musei, per innescare anche all’Elba un processo virtuoso che favorisca il lavoro in ambito culturale. Dialogheranno a riguardo Monica Barni, vicepresidente della Regione Toscana, Daniele Pitteri, direttore del complesso museale di Santa Maria della Scala di Siena, Stefano Lamorgese, autore di Report, Patrizia Asproni, presidente del Museo “Marino Marini” di Firenze, Massimiliano Zane, consulente strategico per lo Sviluppo e la Valorizzazione del Patrimonio museale e culturale e l’imprenditrice Ilaria D’uva; giovedì, alle 18.30, le graphic novel saranno lo strumento per affrontare il tema delle nuove cittadinanze con l’illustratrice Takoua Ben Mohamed, il reporter Domenico Quirico, Tiziana Bonomo di ArtPhotò e il fotografo Francesco Pistilli; a moderare sarà il giornalista Luca Lunedì. La forza della Storia, dalla scelta di Lazzaro all’isola di N. sarà il filo conduttore della chiacchierata tra la giornalista Annarita Briganti e Roberto Pazzi, il quale alloggerà sull’isola per tutta la durata del festival, vivendo a distanza di duecento anni le atmosfere che tolsero il sonno a Bonaparte.
 Il soggiorno di scrittura lo accompagnerà nella stesura di alcuni testi che allo scoccare delle 22, in piazza Matteotti, saranno interpretati dai detenuti del Carcere di Porto Azzurro. L’emozione dominerà la serata. Venerdì, alle 18.30, il focus si sposterà sul turismo responsabile grazie a Isa Grassano, autrice di Forse non tutti sanno che in Italia… (Newton&Compton), Giampiero Sammuri, presidente del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano, Roberto Della Seta, saggista ed ex presidente Legambiente e Giacomo Bassi, autore della guida Isola d’Elba e Pianosa per Lonely Planet; li introdurrà il geografo e ambientalista Marino Garfagnoli. Il gran finale darà voce a una personalità che solitamente non ama rilasciare interviste: alle 22, in piazza Matteotti, il conduttore di Report Sigfrido Ranucci si racconterà senza freni al giornalista Luciano Minerva.
Per il programma completo cliccare su  www.elbabookfestival.com oppure seguire la pagina Facebook.

Pao. Ma.